Login



Utenti : 328
Contenuti : 691
Link web : 6
Tot. visite contenuti : 909730
 110 visitatori online
Ricerca Google
maggio 2022
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

  • images/stories/sede/collegiomarconi.jpg
  • images/stories/sede/collegioprato.jpg
  • images/stories/sede/facciataesterna.jpg
  • images/stories/sede/ilcolonnato.jpg
  • images/stories/sede/ilprato.jpg
  • images/stories/sede/internocollegio.jpg
  • images/stories/sede/internoinnevato.jpg
  • images/stories/sede/marconiaerea.jpg
  • images/stories/sede/notturna.jpg
  • images/stories/sede/particolaremeridiana.jpg
  • images/stories/sede/salacolonne.jpg
  • images/stories/sede/santaMessa.jpg
  • images/stories/sede/vistainterna.jpg
Sostieni anche tu il Marconi con una donazione

Home Notizie Ultime Ad ali spiegate
Ricerca personalizzata
Notizie

 

SPETTACOLO “AD ALI SPIEGATE”

Domenica 13 marzo 2016 / ore 20.45

Cattedrale di Concordia Sagittaria


Associazione “Gardart” di Desenzano del Garda
In collaborazione con il Centro diocesano di pastorale adolescenti e govani

Lo spettacolo è proposto dalla compagnia Gardart di Verona, e vedrà la partecipazione di un coro di 40 elementi che eseguirà dei brani Gospel.
Si tratta di un racconto di come i neri d’America, nonostante siano lontani da casa, ridotti in schiavitù, trovino la forza, il fiato per cantare. Dell’uomo bianco che parla all’uomo nero di Gesù, della croce, di Mosè, di Abramo, di Isacco, di Giacobbe. In questi racconti l’uomo nero vede la sua storia di deportato, di schiavo e gli si accende la speranza che anche per lui possa esserci la libertà come per il popolo ebreo in Egitto. Questo produce un frutto inaspettato e paradossale: il canto spiritual.
Quel canto non è semplicemente una melodia scaccia pensieri per resistere al duro lavoro nelle piantagioni. È la spinta dello spirito ad elevarsi in alto, guardare oltre e prendere le distanze dalla meschina presunzione dell’uomo che per sentirsi potente deve sottomettere un altro essere umano. Il mittente della Parola Sacra che ascoltano è Dio e loro sono i destinatari privilegiati. C’è una gioia incontenibile nell’avvertire che la libertà si sta avvicinando e più questa si avvicina e più il canto diventa chiaro e potente.
Lo schiavo nero insegna al padrone bianco a farsi davvero come Gesù in croce portatore di senso e di speranza anche in mezzo allo sporco degrado delle catene. Le catene dell’anima, del cuore che sono le debolezze, paure, malattie e la fragilità nel riconoscerle e accettarle e trovare la forza per spezzarle e poter guardare al domani senza paura.
Da quei canti nasce quella cultura musical chiamata “negro-spiritual” che sta all’origine del gospel, del blues e del jazz moderno, in cui musica e fede diventano ali spiegate verso la libertà.

L’ingresso è libero e le offerte raccolte durante la serata saranno utilizzate per sostenere l’iniziativa.