Login



Utenti : 328
Contenuti : 690
Link web : 6
Tot. visite contenuti : 908969
 119 visitatori online
Ricerca Google
maggio 2022
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

  • images/stories/sede/collegiomarconi.jpg
  • images/stories/sede/collegioprato.jpg
  • images/stories/sede/facciataesterna.jpg
  • images/stories/sede/ilcolonnato.jpg
  • images/stories/sede/ilprato.jpg
  • images/stories/sede/internocollegio.jpg
  • images/stories/sede/internoinnevato.jpg
  • images/stories/sede/marconiaerea.jpg
  • images/stories/sede/notturna.jpg
  • images/stories/sede/particolaremeridiana.jpg
  • images/stories/sede/salacolonne.jpg
  • images/stories/sede/santaMessa.jpg
  • images/stories/sede/vistainterna.jpg
Sostieni anche tu il Marconi con una donazione

Home Attività Notizie Istria e Dalmazia
Ricerca personalizzata
Attività

 

Giornata del Ricordo

Incontro con Pier Paolo Becich di San Servolo

Giornata del Ricordo al Collegio Marconi

Da alcuni anni il 10 febbraio è dedicato alla celebrazione della “Giornata del Ricordo”, per fare memoria di quanto avvenne nelle zone del confine orientale dell’Italia durante gli anni trenta del secolo scorso e la II guerra mondiale.

Le popolazioni di quelle zone subirono successive ondate di violenza, provocate dall’intreccio di“ giustizialismo sommario e tumultuoso, parossismo nazionalista, rivalse sociali e un disegno di sradicamento della presenza italiana”.

La brutalità si manifestò evidente con l’eliminazione di innocenti dentro le  foibe del Carso, gli “infoibati”, e con le ripetute ondate di esuli che cercarono rifugio nella Madre Patria.

E’ una pagina della storia d’Italia che per decenni è stata colpevolmente dimenticata o addirittura negata a causa di pregiudiziali ideologiche o calcoli diplomatici.


Sabato 9 febbraio 2013, ore 10.00

Incontro con Pier Paolo Becich di San Servolo


La famiglia dell’ing. Pier Paolo Becich è stata costretta, come altre migliaia di famiglie di italiani, all’esodo dalle terre di origine, in seguito al Trattato di Parigi del 10 febbraio 1947.

La sua testimonianza aiuterà capire e a non dimenticare.